A cura di http://fitnesswellnessalutebenessere.blogspot.it

Plicometria, come utilizzare il plicometro nel modo corretto e quali sono i distretti corporei idonei per la misurazione

Ogni distretto corporeo sul quale si effettua la misurazione identifica situazioni legate all’alimentazione del soggetto in relazione alla sua risposta morfologica.

Vediamo di seguito tutti i distretti di riferimento principali con la quale a seguito della misurazione possiamo determinare risultati importanti e utili su come reagisce il nostro organismo all’alimentazione:

– Plica ipogastrica ombelicale o addominale
– Plica sovrailiaca
– Plica ascellare

– Plica bicipite

– Plica pettorale

– Plica anteriore coscia
– Plica scapolare
– Plica sottoscapolare

– Plica tricipitale

– Plica posteriore coscia

Al fine di monitorare la distribuzione androide del grasso e la situazione dismetabolica vengono utilizzate la plica sovrailiaca e quella sottoscapolare.
Con la prima riusciamo a determinare velocemente, in conseguenza della sensibilità della parte all’insulina, le modifiche del comportamento alimentare e della quantità di cibo assunta, cosa simile con la misurazione a livello sottoscapolare che però avviene in modo più lento essendo più sensibile al cortisolo.

L’accresimento della plica ipogastrica ombelicale o addominale è una coseguenza dovuta a squilibri alimentari in quanto determinata da alterazioni del metabolismo lipidico e glucidico.

Quindi un aumento della plica sovrailiaca viene determinato da iperinsulinismo, quella sottoscapolare in aumento indica una progressiva situazione di insulinoresistenza determinata da un’attività eccessiva del surrene determinata da ipersecrezione di cortisolo.

In relazione all’umento della plica ipogastrica ombelicare essendo legata ad una disfunzione metabolica può portare a conseguenze serie come diabete, ipertensione e malattie cardio vascolari.
Più aumenta la plica più alta è la probabilità.

Con la plica anteriore della coscia andiamo a monitorare la distribuzione ginoide che aumenta proporzionalmente all’aumento della plica.
Situazione determinata oltre che da normali fattori costituzionali e dagli estrogeni, viene influenzata da comportamenti alimentari conseguenti ad una dieta iperproteica dove l’assunzione di proteine animali supera nettamente quella della proteine vegetali specialmente se si associa un incremento degli zuccheri semplici rispetto agli amidi.

La plica è lo strumento principale con il quale si calcola con precisione la massa grassa e massa magra al fine di monitorarne le proporzioni, riequilibrando e  quindi la corretta distribuzione del grasso corporeo riducendone la quantità, obiettivo alla base di ogni dieta rivolta al dimagrimento.

 Leggi anche: PLICOMETRIA FAI DA TE SU PASSIONEPERLOSPORT

SEGUI PASSIONEPERLOSPORT SU:


Sport come passione e stile di vita

#menùfitness #fitness #paleo #proteica #postworkout #passioneperlosport #light #allenamentomattutino #dietametabolica #metodolafay #pausapranzo #sports #sport #active #fit #nonsimollauncazzo #strengthmatters #trx #rovigo
 
Annunci